Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo


Il club VICTORY di Edegem (Belgio) con il supporto della EHF Federazione Europea ha deciso di utilizzare lo sport dell'hockey per servire una causa: la promozione dello sport paralimpico e più in generale l'integrazione delle persone attente agli handicap mentali nella società. Per riuscire in ciò è stata organizzata l'ABN INTEGRATION CUP.

L'originalità del torneo svoltosi presso gli impianti del Victory Club ha visto la partecipazione di squadre europee d'élite, quali Waterloo Ducks, Dragons, Oranje Zwart, Braxata, oltre a squadre paralimpiche provenienti da Germania, Olanda, Belgio e Italia alternando così partite di alto livello tecnico ad altre di profondo contenuto emozionale. 
Il clou della manifestazione si è avuto sabato quando alcuni giocatori delle squadre più blasonate, Drogons e Orange Zwart su tutte, si sono "integrati" con gli atleti meno fortunati, dando vita a partite esaltanti sostenuti da un pubblico calorosissimo ed allo stesso tempo emozionato per quello che stavano vivendo i ragazzi del parahockey.

Ancora una volta a primeggiare la squadra dell'Archetto, in rappresentanza dell'Italia.

Questi i risultati:

Archetto - Victory -Wanderers (Bel) 6-0; 

Archetto -Etb Schwarz Weiss (Ger) 4-0 ; 

Archetto - Hudito (Ol) 5-0



Classifica finale
Archetto (Italia)

Schwarz Wess (Germania)

Hudito hc (Olanda)

Hc Victory (Belgio)


Il risultato si deve all'ottimo lavoro portato avanti da Marco Carboni e dal supporto tecnico dell'allenatore Roberto Valdinoci e di Jacopo Fabrizio (che non ha potuto far parte della squadra per ragioni di lavoro).

Significativa inoltre la sensibilità di tutti i ragazzi, che hanno appreso nella mattinata di domenica la notizia della scomparsa di Mario; non lo conoscevano ma hanno avvertito la tristezza che era scesa tra coloro che li accompagnavano ed hanno risposto dapprima chiedendo di giocare con il lutto al braccio e rispettare un minuto di silenzio, poi dedicando l’ultima vittoria a Lui.

nella foto

Luciano, Damiano, Riccardo, Dimitri, Danilo, Fabio, Davide, Mirko, Stefano, Luca, Alessio, Emilio, Roberto (All)

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); JCEMediaBox.init({popup:{width:"",height:"",legacy:0,lightbox:0,shadowbox:0,resize:1,icons:1,overlay:1,overlayopacity:0.8,overlaycolor:"#000000",fadespeed:500,scalespeed:500,hideobjects:0,scrolling:"fixed",close:2,labels:{'close':'Chiudi','next':'Successivo','previous':'Precedente','cancel':'Annulla','numbers':'{$current} di {$total}'},cookie_expiry:"",google_viewer:0},tooltip:{className:"tooltip",opacity:0.8,speed:150,position:"br",offsets:{x: 16, y: 16}},base:"/",imgpath:"plugins/system/jcemediabox/img",theme:"standard",themecustom:"",themepath:"plugins/system/jcemediabox/themes",mediafallback:0,mediaselector:"audio,video"}); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });