Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Vittoria schiacciante dell’Italia contro la Turchia, battuta 10-1 oggi a Glasgow nell’ultima gara della fase a gironi dell’Europeo B scozzese. Con questo (roboante) risultato (7 punti in 3 partite) le Azzurre conquistano l’accesso alla semifinale di venerdì, la gara più importante del torneo, quella che assegna alla vincente il pass per la finale, ma soprattutto la certezza di partecipare alla prossima “Pool A” dell’Europeo targato EHF. L’Italia, 17esima al mondo, contro le numero  33 del ranking e underdog del torneo ha mandato in rete Oviedo, Ruggieri, Tiddi (tutte per due volte), Pessina, Munitis, Vynohradova e Cesanelli.

 

Per conoscere la propria avversaria della semifinale di venerdì (ore 15:45, salvo variazioni orarie del comitato organizzatore), le Azzurre dovranno attendere lo svolgimento di Scozia-Austria (girone B) in programma nel tardo pomeriggio di oggi.

 

 

LA PARTITA. Roberto Carta cambia l’undici iniziale: Schinoni è sempre la titolare della porta azzurra, ma nei dieci di movimento non mancano le novità (tre su dieci) e si parte con Bianchi, Busechian, Carta, Laurito, Oviedo, Pessina, Ruggieri, Singh, capitan Tiddi, Traverso. 

Entrano poi tutte: Vynohradova (9’),  Cesanelli (9’), Pacella (10’), Munitis (16’), Puglisi (16’), Dalla Vittoria (19’). 

Il campo, zuppo per una autentica bomba d’acqua che ha preceduto l’inizio del match, rende più difficile gestire la pallina e questo va certamente a beneficio della squadra meno attrezzata, la Turchia. Le Azzurre, nettamente superiori, riescono a passare comunque in vantaggio nel primo quarto (7’) grazie allo schema su corto che porta Lara Oviedo a mettere dentro la pallina innescata da Chiara Tiddi: 1-0. Il raddoppio arriva nel secondo quarto (18’): per Giuliana Ruggieri è un gioco da ragazze chiudere in rete il passaggio di Oviedo. La Turchia, sotto la pioggia, riesce ad accorciare le distanze giusto una manciata di minuti più tardi, su un corto di Ozturk (22’). Poi le precipitazioni diventano sempre più accentuate e la gara (minuto 26) viene interrotta per impraticabilità del campo. Alla ripresa Oviedo, ancora su corto (30’), ristabilisce la distanza e si va all’intervallo lungo sul 3-1. L’Italia dilaga e dopo il 4-1 di Ruggieri, ancora su azione (36’) nel terzo periodo c’è spazio anche per il pokerissimo a firma di Ivanna Pessina (41’), in rete su corto, e per il 6-1 di Emilia Munitis su azione. È una gara senza storia e l’ultimo quarto serve alle nostre per rendere “monstre” il risultato finale: primi gol nel torneo per Marina Vynohradova (46’, azione) e Chiara Tiddi; per il capitano doppietta su corto in sessanta secondi (48’ e 49’). Negli ultimi dieci minuti le nostre vanno in doppia cifra con Sofia Cesanelli (53’) e sul 10-1 si chiude la gara.

 

 

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); JCEMediaBox.init({popup:{width:"",height:"",legacy:0,lightbox:0,shadowbox:0,resize:1,icons:1,overlay:1,overlayopacity:0.8,overlaycolor:"#000000",fadespeed:500,scalespeed:500,hideobjects:0,scrolling:"fixed",close:2,labels:{'close':'Chiudi','next':'Successivo','previous':'Precedente','cancel':'Annulla','numbers':'{$current} di {$total}'},cookie_expiry:"",google_viewer:0},tooltip:{className:"tooltip",opacity:0.8,speed:150,position:"br",offsets:{x: 16, y: 16}},base:"/",imgpath:"plugins/system/jcemediabox/img",theme:"standard",themecustom:"",themepath:"plugins/system/jcemediabox/themes",mediafallback:0,mediaselector:"audio,video"}); jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); });