Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Il movimento del Parahockey Italiano continua a crescere nei numeri e a svilupparsi nelle idee e nei progetti. Il 2 e 3 settembre 2017, a Mori, cinque società si contesero la prima edizione della coppa Italia di Parahockey, riservata alla categoria T20 (atleti con disabilità intellettivo relazionale), che fu vinta dai romani dell’Archetto. A distanza di quattro anni Mori continua a essere la casa del Parahockey italiano, ma raddoppia: per la prima volta, infatti, le categorie in gioco sono due, dato che ai T20 si aggiungono i C21 (atleti con sindrome di Down) in quella che è, sì, la quarta edizione della Coppa Italia, ma che di coppe ne assegna due. I numeri delle squadre partecipanti, poi, sono emblematici della crescita del movimento, che in appena quattro anni non solo ha raddoppiato le competizioni, ma anche il numero delle squadre partecipanti: 10 in totale. “E quest’anno festeggiamo anche la partecipazione di due nuove regioni, Abruzzo e Basilicata, che si sono iscritte con due società e che stanno lavorando molto bene” dice Martina Marchiori, Consigliere Federale e referente FIH per il settore Parahockey; “è una coppa Italia, ma in pratica sono due perché abbiamo raddoppiato le categorie: non sono molte le discipline sportive in Italia che possono vantare un impegno simile”. La coppa Italia arriva dopo il picco della pandemia che “dal punto di vista dei campionati, ha segnato moltissimo il Parahockey, la cui attività è stata del tutto bloccata. Questo del prossimo 4-5 settembre è proprio il primo impegno dopo il lungo periodo di stop”, prosegue Marchiori. “La Federazione crede molto nel settore Parahockey e non a caso ha stanziato risorse per aiutare le società partecipanti; bisogna poi ringraziare la città di Mori e i suoi hockeysti perché si stanno impegnando come sempre moltissimo nell’organizzazione della coppa”, che proprio a Mori è di casa fin dalla prima edizione.

Il settore Parahockey “si sta ulteriormente strutturando” conclude Martina Marchiori “e i prossimi obiettivi che abbiamo sono quello di redigere un Regolamento e un vademecum societario: per dare ai nostri club le giuste linee guida su come attivare una sezione Parahockey in seno ai propri quadri”.


IV EDIZIONE COPPA ITALIA PARAHOCKEY – SCARICA IL CALENDARIO


(In pagina: una foto della prima edizione della coppa Italia Parahockey di Mori. Era il 2017 e in quattro anni i numeri degli iscritti sono raddoppiati)

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); JCEMediaBox.init({popup:{width:"",height:"",legacy:0,lightbox:0,shadowbox:0,resize:1,icons:1,overlay:1,overlayopacity:0.8,overlaycolor:"#000000",fadespeed:500,scalespeed:500,hideobjects:0,scrolling:"fixed",close:2,labels:{'close':'Chiudi','next':'Successivo','previous':'Precedente','cancel':'Annulla','numbers':'{$current} di {$total}'},cookie_expiry:"",google_viewer:0},tooltip:{className:"tooltip",opacity:0.8,speed:150,position:"br",offsets:{x: 16, y: 16}},base:"/",imgpath:"plugins/system/jcemediabox/img",theme:"standard",themecustom:"",themepath:"plugins/system/jcemediabox/themes",mediafallback:0,mediaselector:"audio,video"}); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} });